Cosmetica Italia al SANA 2014: consumatore sempre più attento al naturale


Si aprirà sabato 6 settembre la 26esima edizione del SANA – Salone Internazionale del Biologico e del Naturale. Durante i quattro giorni della kermesse ospitata presso il polo fieristico bolognese, Cosmetica Italia sarà presente con una Lounge dedicata al Gruppo Cosmetici Erboristeria nel padiglione 35.

Novità di quest’anno sarà la realizzazione di una collettiva presso il padiglione 34 che accoglierà gli stand di alcune aziende associate.

Il consumatore verde e l’erboristeria del futuro sarà inoltre il tema al centro del convegno organizzato dal Gruppo Cosmetici Erboristeria lunedì 8 settembre alle ore 10:15 (Sala Bolero – Centro Servizi, Blocco B, 1° Piano).

Moderati dal caporedattore economia de Il Resto del Carlino, Matteo Naccari, Antonio Argentieri (Presidente Gruppo Cosmetici Erboristeria), Angelo Di Muzio (Presidente Nazionale F.E.I.) e Maurizio Devasini (Presidente Nazionale UNERBE) si confronteranno su un fenomeno presente in Italia, ma più accentuato nei paesi del nord Europa, che si sta progressivamente sviluppando da alcuni anni: il consumatore è sempre più attento al naturale, al verde, a ciò che è rispettoso dell’ambiente non solo in campo cosmetico, ma nei vari ambiti della quotidianità.

I contributi di Roberta Parmini (GFK), Annalisa Vagliasindi (Alias) e Gian Andrea Positano (Responsabile Centro Studi Cosmetica Italia) inquadreranno l’andamento di un canale che, pur risentendo della congiuntura negativa, ha sofferto meno di altri registrando un +1,8% nel primo semestre 2014, con proiezioni del +2% a fine esercizio, per un valore di mercato superiore ai 410 milioni di euro.

«L’erboristeria – commenta Argentieri – è un canale tradizionale, professionalmente molto specializzato, con dinamiche positive, ma da affinare ulteriormente per affrontare la competizione futura. La crisi, in altre parole, mette allo scoperto certe vecchie carenze strutturali del canale: si vuole quindi portare un contributo di conoscenze, idee e stimoli per accompagnare il cambiamento necessario nel canale».